politica e sprechi, perchè tutti sanno e nessuno fa niente?

eccomi qua, a scrivere un blog.

Ho letto e sentito dire che i blog sono, come dire una finestra dove chiunque può scrivere, allora dato che esprimere il proprio pensiero e farsi sentire è difficile mi son detto “lo faccio anch’io”

Voglio parlare di politica, degli sprechi delle belle parole che tutti, indistintamente a destra e sinistra sprecano per “accapararsi” i voti di tutti noi caproni elettori,  che con la speranza di un cambiamento glielo diamo.

Ebbene io son stufo, stufo di sentire barzellette, stufo di fare i salti mortali per lavorare, guadagnare, pagare le tasse e mantenere un’orda di “cavallette/politici” che fanno tabula rasa delle risorse che noi tutti paghiamo.

Sprechi assurdi, da far venire i brividi, cifre da capogiro per tenere su il baraccone.
Non so nemmeno da dove cominciare! parto dai compensi che questi signori percepiscono, cifre assurde! che naturalmente essendo tali, diventano il vero motivo per cui si va in politica! per quale motivo una persona normale, che magari ha un lavoro normale e percepisce il tipico stipendio di 1000 euro al mese, con le preoccupazioni di pagare magari l’affitto, tirare a campare, si trova dall’oggi al domani, solo perchè si è candidato, a vincere una lotteria, si una lotteria, poiche le cifre e i benefici concessi alla nostra classe politica sono l’equivalente della vincita al lotto.

Ebbene, mio caro lettore, a mio giudizio tale sistema falsa totalmente la percezione del mettersi al servizio della società, ricoprire un ruolo istituzionale, contribuire con le proprie idee al miglioramento della società, il tutto viene svilito dal fattore economico. E’ noto che  i soldi e il potere creano o meglio affascinano e sono come una droga, ergo più ne hai più ne vuoi, quindi vanno a farsi benedire tutti i principi, gli ideali, gli intenti e via discorrendo.

Allora, che fare? un idea ce l’avrei, tanto per cominciare i compensi, o rimborsi che dir si voglia. Faccio un esempio di una ipotesi, ma esistono tante strade, se io come professione faccio l’operaio e guadagno 1000 euro al mese, mi candido a carica pubblica il mio compenso sarà, 3 volte il mio stipendio,ergo 3000 euro al mese, con tetto massimo e minimo naturalmente. Oltre ad un rimborso di diciamo 1500 euro mese per vitto e alloggio. Trasporti, niente auto “blu” a disposizione, ma tram, autobus metro per spostamenti cittadini e un biglietto treno a settimana per rientro a casa.

Già un meccanismo del genere renderebbe la cosa molto ma molto ma molto meno appetibile della situazione attuale, quindi chi decidesse di presentarsi in politica lo farebbe per pura passione, per senso dello stato e civico.

 

 

politica e sprechi, perchè tutti sanno e nessuno fa niente?ultima modifica: 2007-05-25T03:30:00+02:00da robpacelli
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “politica e sprechi, perchè tutti sanno e nessuno fa niente?

  1. sai, l’idea di scrivere il blog, forse ingenuamente è proprio per vedere effettivamente quanti ce ne sono veramente che la pensano come me, poichè con chiunque parli, in special modo miei coetanei, (39 anni) tutti son concordi nel dire che qualcosa non va, intanto votiamo da una parte o dall’altra e siamo punto e accapo! ma allora è vero il detto che dice “ognuno ha il governo che si merita??” oppure davvero c’è gente come me che, non solo a parole vorrebbe davvero cambiare le cose??

  2. Ho letto il tuo pensiero che è anche il mio .Se vai sul Corriere della Sera di oggi ,c’è un simpaticissimo articolo del valoroso giornalista Gian Antonio Stella ,dal titolo ,già dalla prima pagina :”Il paese dei balocchi”.Sono sicuro che ti piacerà.E’ esilarante. Ciao

I commenti sono chiusi.